Costellazioni familiari dell'Anima: la "VISION"


LE COSTELLAZIONI FAMILIARI DELL’ANIMA VENGONO
ORGANIZZATE ALL’INTERNO DI UN PERCORSO COMPLETO ED ESTREMAMENTE PERSONALIZZATO


 Dapprima il lavoro comincia con un’accurata RICOSTRUZIONE DEL SISTEMA FAMILIARE e delle sue memorie, che consiste in un colloquio a due nel quale la persona viene accompagnata verso una consapevolezza nuova delle ripetizioni di memorie e dolori di persone che appartengono al nostro albero genealogico. Infatti, come è noto, le memorie vengono trasmesse col DNA. Durante questo colloquio vengono già posti nell’inconscio della persona dei profondi imput di armonizzazione.

Il secondo STEP del lavoro consiste in una serie di COSTELLAZIONI FAMILIARI SISTEMICHE, lavoro già conosciuto in tutto il mondo per la sua profonda efficacia. Il lavoro si svolge in gruppo, si rimettono in campo come in uno “psicodramma evoluto” i traumi familiari più emergenti e si armonizza in questo modo l’intero sistema familiare. Il lavoro viene seguito prima, durante e dopo dalla dott.ssa Teresa Piacentini, che monitora passo passo i frutti progressivi delle costellazioni.

In seguito è possibile fare la ARMONIZZAZIONE DI UNA MEMORIA DOLOROSA, lavoro basato sulla programmazione neurolinguistica, che consiste nel trasfigurare l’energia negativa che continua a sprigionarsi dalle memorie dolorose.

Poi il frutto di tutto ciò viene consolidato attraverso il PERCORSO CELLULARE, lavoro personale che consiste nella cancellazione delle memorie negative iscritte nelle nostre cellule e nel nostro inconscio, che risalgono ai mesi del periodo prenatale, i mesi di gestazione, il parto e il periodo dopo la nascita. Questo lavoro viene creativamente allargato a seconda della necessità della persona, fino al punto di partire dal primo incontro degli occhi del padre e della madre, per finire ai traumi eventuali dei primi anni di vita.


In seguito il lavoro può proseguire come un ACCOMPAGNAMENTO NEL CAMMINO DI ARMONIZZAZIONE DI TUTTO L'ESSERE, armonizzando ogni sfera della nostra dimensione umana tramite la sintonizzazione con la sfera dell’Amore increato, cioè lo Spirito Santo di Dio, Spirito di amore, gioia, pace, armonia, pazienza, benevolenza, abbondanza, riso, danza, creazione, slancio verso il futuro di Dio.


  

COSTELLAZIONI FAMILIARI A ROMA CENTRO


COSTELLAZIONI FAMILIARI DELL’ ANIMA
A ROMA

  


Vuoi volare libero e felice verso
l’abbondanza, il successo, la serenità?
Vuoi annullare gli autosabotaggi inconsci?
Vuoi riportare l’armonia
nel tuo sistema familiare?





REGALATI

LE COSTELLAZIONI
FAMILIARI
DELL’ANIMA !

Tutte le domeniche a

ROMA CENTRO

tel. 3279303125
teresa.tia.piacentini@gmail.com




COME SI PARTECIPA

COME SI PARTECIPA ALLE COSTELLAZIONI FAMILIARI DELL'ANIMA



(Dr. Teresa Piacentini, 14.5.2016)


-   Le Costellazioni vengono registrate. Verrà inviato a ciascuno il file della propria costellazione da riascoltare tutti i giorni per 28 giorni, periodo necessario per modificare i circuiti neuronici.
-   Le costellazioni familiari dell'Anima si svolgono in gruppo. L'armonizzazione della persona e lo scioglimento della memoria transgenerazionale è facilitato dal conduttore, aiutato dall’intero gruppo, e alla fine «avviene per la capacità di autoguarigione insita nella persona stessa» (M.H. Erickson).
-   Tutto il gruppo quindi si impegna a mantenere il segreto professionale rispetto a ciò che esce dalla costellazione, e si impegna a osservare le norme sulla privacy riguardo ai nomi e alle storie dei partecipanti, a meno di avere il loro permesso scritto.
-   Dopo la costellazione è bene non parlarne e non commentarla con nessuno per 4 settimane.
-   Quello che viene armonizzato nel lavoro sistemico sono le memorie ereditate attraverso il DNA, oppure le memorie dolorose della propria stessa vita. Dal momento che l’inconscio si forma nei primi anni di vita del bambino, queste memorie possono anche non corrispondere alla realtà. Ad esempio: se la mamma è assente per lavoro e torna solo alla sera stanca, il bambino piccolo risentirà di questa situazione come di un vero e proprio abbandono. La memoria che emergerà durante la costellazione sarà quindi una memoria di abbandono, anche se nella realtà, nelle intenzioni della mamma, non vi era nulla di tutto ciò. A motivo di ciò, non bisogna mai far coincidere ciò che emerge dalla costellazione con il reale vissuto delle persone e delle loro famiglie.
-   Nel lavoro sistemico i dialoghi devono parlare all’inconscio. Alle volte questi dialoghi sono tali da essere sentiti come contraddittori dalla mente conscia. Ad esempio: il soggetto, a livello conscio, non fa altro che cercare la felicità, ma a livello inconscio subisce un vero e proprio auto-sabotaggio. Per cui molti dei dialoghi che vengono fatti durante il lavoro sistemico possono anche non essere condivisi dalla mente conscia. Bisogna semplicemente ripetere i dialoghi e le parole senza pensare alla loro coerenza con quello che viene percepito dalla mente conscia.
-   Ciascuno di noi ha molte parti dentro di sé. In particolare, alcune parti di noi sono ferme a un momento doloroso, oppure sono ferme a una memoria ereditata che viene sentita come presagio del futuro. Quello che si mette in campo non è mai l’intera persona, ma quella parte della persona che è legata e immobilizzata da un evento doloroso o da una memoria. Per questo motivo non bisogna mai farsi un’idea di una persona in base a quello che emerge dal lavoro sistemico.
-   È anche possibile mettere in campo forze ed energie spirituali, che aiutano la persona a proiettarsi verso il futuro. Tutto ciò che avviene nel campo è in funzione della armonizzazione dell’inconscio della persona e delle sue memorie.

Breve bibliografia:

Hellinger, B., Ciò che agisce, Lettere terapeutiche, Accademia, Roma 2008.
Hellinger, B., Il grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, Urra, Milano 2006.
Hellinger, B., Il viaggio interiore, Tecniche nuove, Milano 2008.
Hellinger, B., L’evoluzione delle costellazioni familiari, Dagli ordini dell’amore alle costellazioni familiari spirituali, Tecniche nuove, Milano 2011.
Hellinger, B., Riconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, Dialoghi con Gabriella ten Hövel, Feltrinelli, Milano 2011.
Sali, A., Dall’abbandono all’abbondanza, Edizioni Mediterranee, Roma 2014.
Sali, A., Figli che amano troppo, Edizioni Mediterranee, Roma 2016.
Schützenberger, A.A., La sindrome degli antenati, Psicoterapia transgenerazionale  e i legami nascosti nell’albero genealogico, Di Renzo Editore, Roma 142014.
Schützenberger, A.A., Psicogenealogia, Guarire le ferite familiari e ritrovare se stessi, Di Renzo Editore, Roma 22011.

TRASMUTAZIONE DI TUTTE LE MEMORIE

CONTRO TUTTI GLI ESSERI MALIGNI
E LE MEMORIE NEGATIVE
IO
(nome della persona)
CREATURA FATTA A IMMAGINE DI DIO
DA QUESTO ISTANTE E PER SEMPRE
SIGLO QUESTO PATTO DI ALLEANZA ETERNA CON DIO
PADRE, FIGLIO E SPIRITO SANTO.

DA QUESTO ISTANTE E PER SEMPRE
NELLA MIA PIENA LIBERTA’ DI FIGLIO DI DIO
IO APRO TUTTO IL MIO ESSERE ALLO SPIRITO SANTO DI DIO

CHE E’ UN TORRENTE DI AMORE INESAURIBILE,
LA LUCE CHE VINCE OGNI TENEBRA,
LA POTENZA DI TRASFIGURAZIONE 
DI OGNI MEMORIA NEGATIVA,
LA LIBERAZIONE DA QUALSIASI DEMONIO 
O ESSERE DI TENEBRA,
LA FORZA INVINCIBILE CHE LIBERA,
E SPACCA TUTTE LE CATENE E TUTTI I VINCOLI:

EGLI TRASFIGURA TUTTO CIO’ CHE PORTO DIETRO DALLE VITE PRECEDENTI
DALLE MEMORIE DEGLI ANTENATI
DALLA MIA VITA E DA QUELLA DEI MIEI GENITORI
DAL PERIODO PRIMA DEL MIO CONCEPIMENTO
DAI NOVE MESI DI GESTAZIONE
E DALLA MIA NASCITA IN POI.

IO CHIEDO A DIO: PADRE, FIGLIO E SPIRITO SANTO,
DI LIBERARMI DA TUTTE LE MEMORIE NEGATIVE
DELLA MIA VITA
DELLA VITA DEI MIEI GENITORI
DELLA VITA DEI MIEI ANTENATI
DELLE MIE VITE PRECEDENTI.

CHIEDO AL PADRE MISERICORDIOSO,
CHE MI HA CREATO PER AMARMI
E MI HA AMATO PER CREARMI,
DI SCIOGLIERE TUTTE LE CATENE,
DI ILLUMINARE OGNI TENEBRA,
DI TRASFIGURARE TUTTA LA NEGATIVITA’ IN POSITIVITA’,
DIO INFATTI E' UN FUOCO CHE ARDE
SENZA CONSUMARE.

IO CHIEDO DI ESSERE SEMPRE IMMERSO
NEL RAGGIO DELLA LUCE DELLO SPIRITO SANTO,
LO SPIRITO DI DIO CHE E’ EGLI STESSO DIO,
E LO SPIRITO DI CRISTO.

QUESTO RAGGIO VEICOLA UNA FORZA INFINITA,
UNA LUCE INFINITA
A CUI NESSUNO SI PUO’ OPPORRE.

NON C’E’ MEMORIA, NON C’E’ CATENA, NON C’E’ PRIGIONE
CHE POSSA FERMARE
IL RAGGIO INVINCIBILE DI LUCE,
IL FIUME INARRESTABILE DI ACQUA VIVA,
IL TORRENTE INESAURIBILE DELLA LUCE DELLO SPIRITO SANTO.

LO SPIRITO SANTO E’ LO SPIRITO DI DIO E DI CRISTO.

EGLI STESSO, CRISTO GESU’ HA CALPESTATO LA MORTE
E TUTTE LE POTENZE DELLE TENEBRE.

IN NOME DELLA POTENZA DI GESU CRISTO
IN NOME DELLA SANTITA’ DI MARIA
CIRCONDATO DA MICHELE, RAFFAELE, GABRIELE E URIELE,
E DA TUTTI GLI ANGELI E GLI ARCANGELI,
DA ORA PER SEMPRE

IO MI OFFRO A DIO
PER ESSERE UN VASO DELLO SPIRITO SANTO DI DIO,
CHE E’ AMORE, GIOIA, PACE, PAZIENZA, BENEVOLENZA,
LONGANIMITA’, LUNGIMIRANZA, GIUSTIZIA,
GIOIA, FORZA, TEMPERANZA, SAPIENZA.
IN QUESTO SPIRITO SANTO VI E’ L’AMORE E LA LIBERTA’
VI E’ OGNI BENE, TUTTO IL BENE, IL SOMMO BENE:
TUTTO IL BENE DI DIO.

IO MI APRO PER ESSERE UN VASO E UN CANALE
CHE CONTIENE E TRASPORTA VERSO GLI ALTRI
TUTTO L’AMORE DI DIO, LA FORZA DI DIO, LA LUCE DI DIO,
LA PUREZZA DI DIO, LA GRANDEZZA DI DIO, LA GIUSTIZIA DI DIO,
LA SUA BONTA’. LA SUA PIETA’, LA SUA MISERICORDIA,
LA SUA LIBERTA’, LA SUA PROMESSA DI BENE PER L’UMANITA’.

QUESTA CONSACRAZIONE ESCLUSIVA E TOTALE AL SOLO, VERO E UNICO DIO
NON MI TOGLIERA’ LA LIBERTA’:
PERCHE’ DIO E’ UNA LIBERTA’ CREATRICE,
CHE AMA LA NOSTRA LIBERTA’ E LA CUSTODISCE.
E QUESTA CONSACRAZIONE A DIO AUMENTERA’ ALL’INFINITO
LA MIA LIBERTA’ E IL MIO AMORE.

E NESSUNO MAI PIU’ POTRA’ ENTRARE IN ME O TRASCINARMI IN BASSO
VERSO PENSIERI, PAROLE, EMOZIONI OD OPERE NEGATIVE.

DA QUESTO ISTANTE E PER SEMPRE QUESTO GIURAMENTO STIA DAVATI A DIO:
DAVANTI AL PADRE, AL FIGLIO E ALLO SPIRITO SANTO.
IO LEGO QUESTO GIURAMENTO ETERNO A OGNI BATTITO DEL MIO CUORE,
IN MODO CHE
SIA CHE IO VEGLI, SIA CHE IO DORMA,
SIA CHE IO CI PENSI, SIA CHE NON CI PENSI,
SIA CHE IO PREGHI, SIA CHE NON PREGHI,
QUESTO GIURAMENTO VENGA SOLENNEMENTE RINNOVATO
A OGNI BATTITO DEL MIO CUORE.

LA MIA ANIMA DIVINA DA QUESTO ISTANTE E PER SEMPRE
RATIFICA QUESTO GIURAMENTO CHE IO FACCIO DAVANTI A DIO.
AMEN.
IL MIO CUORE RATIFICA QUESTO GIURAMENTO CHE FACCIO DAVANTI A DIO
E NON C’E’ FIRMA PIU’ SANTA DI QUESTO “AMEN
CHE IO PRONUNCIO DA QUESTO ISTANTE E PER SEMPRE,
SENZA PENTIMENTO:

AMEN, AMEN, AMEN.

GLI ORDINI DELL'AMORE

TERESA PIACENTINI

«Vi sono ordini dell’amore. Gli ordini dell’amore sussistono indipendentemente dai nostri desideri, dalle nostre paure e soprattutto indipendentemente dalla nostra consapevolezza. Essi appaiono attraverso le conseguenze che derivano dalla loro violazione. Uno dei modi in cui li possiamo percepire sono le costellazioni familiari».[1] «Il movimento profondo delle costellazioni è sempre un movimento di amore che ristabilisce gli ordini dell’amore».[2]

L’uomo «psichico» come fedeltà d’amore
nell’inconscio umano
più profondo del complesso  incestuoso-edipico-omicida
è  il patto di un amore-fino-alla-morte






Già M. Erikson aveva rivoluzionato il concetto di inconscio, parlando di «inconscio amico»: egli concepì l’inconscio umano non come un serbatoio di conflitti rimossi (Freud), ma come una forza amica gravida di risorse fondamentali per la armonizzazione, che suggerisce dall’interno soluzioni e scelte che sono per noi quelle migliori e attuabili in quel determinato momento della nostra esistenza. La disarmonia viene considerata come “adattativa”, cioè un tentativo di risolvere il problema.[3]
Nell’ultimo mezzo secolo poi, le «costellazioni familiari sistemiche» (di cui B. Hellinger[4] è uno dei più conosciuti promotori), stanno rivelando molte leggi dell’inconscio umano, e queste leggi ci lasciano stupefatti. Possono infatti tutte quante racchiudersi in una sola, pregnantissima parola: la parte più profonda dell’inconscio umano, quella che veramente determina le nostre vite, è la «fedeltà d’amore». «Fedeltà d’amore» è uno dei nomi di Dio, del Dio biblico[5].
Le leggi costanti che emergono in modo fenomenologico dalle costellazioni familiari sistemiche[6] si possono descrivere come: legami d’amore, movimento d’amore, compensazione, fedeltà d’amore, riconciliazione, relazione, armonia e sintonia con tutti, anche con i nemici. Non solo il nostro essere umano è strutturato (nello strato più profondo della sua psiche), con queste leggi, ma anche i sistemi formati da esseri umani.
Le costellazioni familiari sistemiche hanno infatti mostrato che esistono dei legami profondissimi tra i componenti di una stessa famiglia, ed esistono delle eredità che si trasmettono di generazione in generazione e si imprimono nell’inconscio di ogni nuovo bambino che viene al mondo. Ogni nuovo nato porta in sé alcuni doni ma anche alcune ferite che appartengono alla storia della propria famiglia. Per questo motivo l’inconscio del bambino (che si forma soprattutto durante la gestazione e i primi anni di vita), percependo ferite e scompensi, reagisce con qualcosa che si può sempre ricondurre alla fedeltà d’amore. Anche se il piccolo spesso reagisce dirigendosi di più verso la morte che verso la vita, le sue reazioni appartengono sempre all’ordine dell’amore: quello che l’inconscio del bimbo stabilisce è sempre un patto d’amore, che quindi come tale non può essere spezzato (pena scindere la persona al suo interno), ma va fatto evolvere verso la vita e la benedizione. Un esempio classico è quello di un bambino che nasce dopo un aborto. Qualche volta può accadere che questo bambino (anche da adulto) si ammali e forse anche muoia per amore del fratellino che non ha potuto godere della vita, per condividere la sua stessa sorte. Naturalmente questo patto d’amore siglato a livello dell’inconscio non è percepito dalla mente consapevole. Sono dinamiche che operano a livello dell’inconscio. Però, dal momento che l’inconscio non distingue tra vita reale e rappresentazione, tra realtà e rito, è stato sperimentato che ciò che viene risolto nella costellazione viene risolto anche nell’inconscio.
«Ber Hellinger è stato uno dei più innovativi psicoterapeuti sistemici… Nel suo lavoro terapeutico con le costellazioni familiari mette delle persone in grado di rappresentare il campo di influenza di una famiglia, per aiutare il soggetto a scoprire le dinamiche nascoste che lo legano agli altri membri familiari e al tragico destino di uno o più di loro. La sua psicoterapia sistemica è un servizio alla riconciliazione, in quanto tende a far recuperare a ogni persona la propria dignità, spesso reintegrando nel loro sistema quelli che sono stati condannati, esclusi o dimenticati, in modo che possano anche sostenere l’evoluzione degli altri».[7]
Le costellazioni familiari praticate in tutto il mondo hanno dimostrato che ogni appartenente a una famiglia vive di una profonda relazione con essa, con i vivi e con i morti. «Si ipotizza per questo l’esistenza di una coscienza di gruppo. Appartengono al gruppo familiare non solo i componenti biologici della famiglia, vivi e morti, ma anche precedenti consorti o fidanzati dei genitori, o dei nonni, e anche le vittime e gli assassini fra cui si crea un legame profondissimo. Durante le rappresentazioni delle costellazioni familiari sistemiche quasi sempre arriva come un fulmine la rivelazione di qualcosa che sta dietro ai fenomeni e alle malattie».[8]
«All’interno della famiglia (intesa nel senso ampio del termine) si percepisce un movimento di amore. L’amore si insedia - o perlomeno è così che me lo immagino - nella “coscienza inconscia”. Le costellazioni familiari mostrano che il sistema familiare è dominato da una forza che veglia come una coscienza sulle nostre azioni in modo che rispettino determinati ordini».[9]
«Vi sono ordini dell’amore. Gli ordini dell’amore sussistono indipendentemente dai nostri desideri, dalle nostre paure e dalla nostra consapevolezza. Ci vengono mostrati attraverso le conseguenze che derivano dalla loro violazione. Uno dei modi in cui li possiamo percepire sono le costellazioni familiari».[10]
Quando vengono messe in atto le rappresentazioni delle costellazioni familiari sistemiche, si percepisce che «un movimento si impossessa dei rappresentanti, del conduttore e anche degli spettatori…: si tratta sempre di un movimento d’amore. È il movimento dell’amore che accoglie tutto. È un movimento creatore che mette in ordine ciò che era in disordine… I movimenti dei rappresentanti durante una rappresentazione e i risultati a cui conducono consentono di portare alla luce sia i disordini che causano problemi e malattie che gli ordini che devono essere rispettati e ripristinarli. Si tratta di ordini dell’amore e della vita».[11]
«I sistemi familiari hanno una tale forza, un tale potere coesivo, e muovono così profondamente l’animo di tutti, indipendentemente dal loro comportamento, che si può dire che la famiglia dà vita al singolo, che da essa proviene con tutte le sue possibilità e tutti i suoi limiti.… La famiglia è il legame più forte e nello stesso tempo la fonte prima di ogni malattia, nevrosi e sofferenza psichica.… Il legame fa in modo che si portino i destini insieme. Se in famiglia è accaduto qualcosa di brutto, si instaura per generazioni l’esigenza di compensarlo».[12] «L’amore nella famiglia rende sia ammalati che sani. Non è la famiglia che fa ammalare, ma è la profondità del legame e l’esigenza di compensazione che nelle famiglie può causare delle malattie. Se si porta alla luce questo fatto, lo stesso amore e la stessa esigenza di compensazione portati a un livello superiore possono influire positivamente sulle malattie, guarendole… Il singolo, qualunque cosa esprima verso l’esterno, nel suo essere più profondo è fedele alla sua famiglia. Questo amore profondo va riconosciuto[13]… L’amore veramente profondo non permette che qualcuno si metta permanentemente contro la sua famiglia. Per questo, chi combatte il proprio padre, diventa inevitabilmente come lui. E chi combatte la propria madre, diventa inevitabilmente come lei»,[14] per recuperare a un altro livello la propria fedeltà d’amore.
«Esiste un profondo legame tra il bambino e la sua famiglia di origine. La cosa più tremenda per un bambino è di esserne escluso. Il bambino vive nella coscienza: “Io appartengo a questa famiglia, ad essa voglio appartenere e ne condivido il destino, qualunque esso sia”. Perciò il bambino fa di tutto pur di appartenervi, senza alcun egoismo. Il bambino arriva anche a morire volentieri, se ciò può aiutare un altro. Questo legame è dunque libero da egoismo».[15] «Il bisogno di appartenenza determina nel bambino che c’è in noi il desiderio di diventare come qualcuno che ama molto, per esempio la madre malata. Solo provando ciò che prova lei si sente unito alla persona amata nell’amore. Per restare o ritornare sano ha bisogno della benedizione della madre in modo che lo stesso amore che lo fa ammalare gli permetta, o addirittura lo obblighi a guarire… Spesso l’amore cieco non conduce solo alla malattia, ma addirittura alla morte, per esempio quando il bambino dice alla madre o al padre morti prematuramente: “Voglio stare con te, ti seguo”».[16] «Spesso un figlio illegittimo ha un figlio illegittimo a sua volta. È una specie di accordo con la madre. Una specie d’amore e di fedeltà nei suoi confronti. Fedeltà significa amore».[17]
«Fa parte integrante dell’amore che le persone escluse e le persone maledette vengano prese in considerazione e che ci si rivolga a loro con compassione, senza tuttavia nulla sminuire della loro colpa. In questo modo io mi libero dall’identificazione con loro. Essi, nel momento in cui accolgono il peso della loro colpa, accolgono la dignità di una espiazione».[18] Ma anche se non la accolgono, nel momento in cui noi accogliamo queste persone nel nostro cuore, senza condannarle, ci troviamo interiormente liberi.
«Solo ciò che amiamo ci rende liberi… Un amore tanto grande porta in sé la sua ricompensa e il suo valore, come la sorgente trova la sua ricompensa e il suo valore nel fluire, qualsiasi cosa gli altri facciano con l’acqua».[19]
«Ogni membro della famiglia ha lo stesso diritto di appartenenza. Se gli ordini dell’amore vengono rispettati, generano del bene. Quando invece questi ordini non vengono rispettati, le persone entrano in crisi o si ammalano. Porto un esempio. Se in una famiglia c’era un omicida che è stato disprezzato ed escluso, e questo in seguito torna ad ottenere il suo posto, tutti si sentono sollevati. Se rimane escluso, in seguito verrà imitato da qualcun altro, senza che quest’ultimo se ne accorga. Sono dinamiche che operano a livello dell’inconscio. Ciò avviene per dare una seconda possibilità al sistema di accogliere, e non escludere nessuno. Ciò avviene indipendentemente dalla qualità morale delle azioni di colui che è stato escluso».[20]
Le leggi delle costellazioni ci mostrano che per stare bene (spiritualmente, psicologicamente e fisicamente) è necessaria l’armonia: «armonia significa essere in sintonia con molti e infine con tutti, quindi anche con il nemico».[21]
Una cosa molto interessante da notare è che «se alcuni membri della famiglia si sono resi colpevoli della morte di altre persone, le vittime fanno parte della famiglia e ne deve essere accettata l’appartenenza... Ciò è dimostrato dal fatto che se non vengono accettate né le vittime né i carnefici [senza peraltro sminuirne la colpa], un membro successivo della famiglia le rappresenterà».[22]
«La coscienza collettiva segue una legge fondamentale: nessun appartenente al sistema può essere escluso. Cosa accade se ciò avviene comunque? La persona esclusa viene rappresentata da un membro del sistema e diventa il suo destino… In molte famiglie ebree al cui interno ci sono vittime dell’Olocausto, i carnefici vengono rappresentati da membri della famiglia. Improvvisamente uno degli appartenenti alla famiglia assume l’energia del carnefice senza sapere perché.[23] In queste famiglie i carnefici vengono spesso esclusi e disprezzati. Per questo un discendente li rappresenta di nuovo: per dare al sistema una nuova possibilità di accoglienza. Solo quando i carnefici trovano il proprio posto nel sistema [senza peraltro annullare nulla della gravità della colpa commessa], non hanno più bisogno di essere rappresentati: è stato ristabilito l’ordine dell’amore che non può negare a nessuno, qualsiasi cosa abbia commesso, l’appartenenza.
Il movimento profondo delle costellazioni è sempre un movimento di amore che ristabilisce gli ordini dell’amore».[24]
«La psicosi non è una malattia, non è una colpa. Costituisce il tentativo di unire qualcosa che non si è potuto unire nel sistema, principalmente il carnefice con la sua vittima. Non riescono a incontrarsi nel sistema perché vi è sempre qualcuno che si scandalizza del carnefice e che non sopporta l’idea di accettare nel sistema un assassino, un criminale. Eppure il sistema trova pace solo quando entrambi si sono uniti. Non vi è infatti nessun legame più forte di quello fra vittima e carnefice… Lo psicotico percepisce in sé ciò che non è ancora stato conciliato, perché entrambi, la vittima e il carnefice, sono presenti nella sua anima, ma senza possibilità di riconciliazione. Per questo è confuso. Questo lavoro, i movimenti dell’anima, possono aiutarli a unirsi. In questo modo guariamo tutto il sistema».[25]

Quando Hellinger lavorò con discendenti delle SS e con discendenti di ebrei vittime dell’Olocausto, e vide che era possibile riconciliare profondamente vittime e carnefici, chiamò questo movimento di riconciliazione «l’incanto del venerdì santo».[26]
«I carnefici si inteneriscono se vengono amati. Le campagne portate avanti in Germania e in Austria contro i carnefici del Terzo Reich all’insegna del “non deve mai più accadere” sortiscono spesso l’effetto opposto. Finché anche i carnefici non trovano posto in mezzo a noi e nei nostri cuori come persone come noi, il male, il loro male, conserva la propria forza. Più li rifiutiamo, più il male aumenta la propria forza. Se vengono accettati, possono essere persone come noi. Solo così possono portare realmente il lutto e affrontare le conseguenze dei loro gesti. Non prima.… Il movimento risanatore nella nostra anima verso la pace sarebbe accettare entrambi e accettare il loro destino, così com’è stato, sia quello delle vittime che dei carnefici. Entrambi contemporaneamente. Così riconcilieremo anche l’impulso omicida che c’è in noi e il dolore che proviamo in quanto vittime. Entrambi contemporaneamente. Solo quando i due opposti si incontrano, la nostra umanità si realizza… Qui finisce tutta la vendetta».[27]
«Il perdono che unisce è nascosto e silenzioso. Non viene espresso, ma è esercitato… Nei confronti di vittime e carnefici l’unico movimento possibile è la misericordia. Si tratta di un atteggiamento del cuore da uomo a uomo, ma anche nei confronti di tutte le creature… Si tratta di una misericordia silenziosa… Questo è l’amore che riconcilia».[28]
«La riconciliazione[29] è possibile se prendo dentro di me ciò che ho rifiutato e lo accetto».[30]



[1] B. HellingerL’evoluzione delle costellazioni familiari, Dagli ordini dell’amore alle costellazioni familiari spirituali, Tecniche nuove, Milano 2011, 3.
[2] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, Urra, Milano 2006, 37-38.
[3] Per una breve sintesi di tutto ciò cf D. MeggléPsicoterapie brevi, Red Edizioni, Como 1998, 122-140. W. OberhuberIpnosi, FrancoAngeli, Milano 2000, 35-50. M. EriksonLa mia voce ti accompagnerà, Astrolabio, Roma 2000.
[4] Di cui però non condivido pienamente il pensiero, soprattutto quando affronta il discorso su Dio e sul cristianesimo.
[5] A ciò si ricollega il concetto dell’uomo imago Dei.
[6] Quello che viene usato durante le rappresentazioni delle costellazioni familiari sistemiche è un metodo fenomenologico. «Con questa psicoterapia fenomenologica ci si espone alla situazione così com’è, senza supposizioni e senza il supporto di una determinata teoria. Bisogna esporsi a quello che appare senza pregiudizi» (B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, Urra, Milano 2006, 106).
[7] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiariDialoghi con Gabriella ten Hövel, Feltrinelli, Milano 2011, 11-12.
[8] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 16.
[9] B. HellingerIl viaggio interiore, Tecniche nuove, Milano 2008, 120.
[10] B. HellingerL’evoluzione delle costellazioni familiari, Dagli ordini dell’amore alle costellazioni familiari spirituali, Tecniche nuove, Milano 2011, 3.
[11] B. HellingerL’evoluzione delle costellazioni familiari, 7.
[12] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 104-105.
[13] «Un figlio può apparire ribelle ed essere allo stesso tempo fedele a un livello molto profondo. Se chi lo osserva ha un’ottica troppo ristretta, allora vede solo un lato. Ogni figlio agisce per amore. Anche se dà fastidio, agisce per amore. Bisogna solo scoprire il punto in cui quest’amore sta. Quando lo si è trovato, d’un tratto il suo comportamento diventa completamente chiaro. Tempo fa fui invitato dagli educatori di un istituto per ragazzi difficili a tenere un corso per queste ragazze e per i loro genitori. In tutte le rappresentazioni emergeva la stessa dinamica: “Preferisco sparire io al posto tuo”. Prima di allora nessuno si era accorto di quanto queste ragazze amassero i loro genitori… Una delle ragazze si era buttata dal tetto dell’istituto. Ma nella rappresentazione si scoprì che in realtà era suo padre che voleva morire. Egli a sua volta voleva seguire il proprio padre morto. La figlia aveva allora interiormente detto al padre: “Preferisco morire io al posto tuo”. Se queste dinamiche vengono chiarite, ci saranno delle possibilità di soluzione. Solo che difficilmente la figlia le comprende. Essa vive un’esigenza di tipo arcaico a livello dell’inconscio: “Se porto io questo peso, papà ne sarà liberato”» (B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 75-76).
[14] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 106-107.
[15] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 47.
[16] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, Urra, Milano 2006, 57.
[17] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 131.
[18] B. HellingerCiò che agisce, Lettere terapeutiche, Accademia, Roma 2008, 32.
[19] B. HellingerCiò che agisce, Lettere terapeutiche, 31.
[20] B. HellingerRiconoscere ciò che è: la forza rivelatrice delle costellazioni familiari, 98-99.
[21] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 13.
[22] B. HellingerL’evoluzione delle costellazioni familiari, Dagli ordini dell’amore alle costellazioni familiari spirituali, Tecniche nuove, Milano 2011, 7-9.
[23] Cf l’impressionante testimonianza di Raffaella di Castro: «La preistoria di mia mamma, bambina [ebrea] di tre anni sotto l’occupazione nazista, diventa la mia stessa preistoria. Una memoria che oltrepassa qualsiasi limite temporale, che non ha bisogno di essere ricordata né conosciuta, perché è identica alla certezza di un’angoscia ancestrale, che da sempre, come un latte avvelenato, ha minacciosamente nutrito la mia stessa nascita… A un certo punto quella memoria-angoscia è improvvisamente esplosa oltre i confini delle antinomie che con cura ossessiva tenevo separate e distinte… esasperandosi nell’insostenibile scoperta di una dimensione interna che non era più identica alla bambina-vittima ma recitava anche il ruolo del persecutore» (R. di CastroTestimoni del non-provato, Ricordare, pensare, immaginare la Shoah nella terza generazione, Carocci editore, Roma 2009, 21).
[24] Cf B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 37-38.
[25] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 140.
[26] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 96.
[27] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 166-169.
[28] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 151-152.
[29] «Ho organizzato delle rappresentazioni di costellazioni familiari in un carcere londinese e ho lavorato con un assassino. Abbiamo messo in scena solo due persone, un rappresentante per lui e uno per la vittima. Non vi è stato alcun intervento, tutto è scaturito dai movimenti dell’anima dei rappresentanti. La vittima era piena di rabbia e teneva stretti i pugni. L’assassino è stato sopraffatto da un’incredibile dolore, finché non è crollato. A quel punto la vittima si è chinata su di lui e si sono abbracciati. Poi la vittima si è alzata e si è ritirata. Al termine chiesi al vero assassino cosa ne pensava. Disse: “mi sono sempre sentito così”. Se la rappresentazione viene fatta senza riserve e senza desiderio di vendetta, fra vittima e assassino nasce spesso un grandissimo amore. Alla fine entrambi si abbandonano a una forza superiore» (B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 35-36).
[30] B. HellingerIl grande conflitto, La psicologia della distruttività e le strade della riconciliazione, 158.

LA TRASFIGURAZIONE DEL NOSTRO CONCEPIMENTO

TU MI SCRUTI E MI CONOSCI


Quando sentiamo di non essere stati voluti dai nostri genitori, di non essere stati desiderati, pensiamo a quello che dice il salmo: "Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, ma il Signore mi ha raccolto". Dio è il nostro creatore, egli ci ha amati per crearci e ci ha creati per amarci.... e così per trasformare le nostre ferite in fonte di gioia, cantiamo al nostro Padre e creatore questo canto:

_____________________________
 Canto
per Colui che rende eterni.
_____________________________________________________________________

Misericordioso,
tu mi scruti e mi conosci :
tu conosci
quando seggo e quando mi alzo.
I pensieri di cui mi diletto
tu li penetri da lontano,
nella veglia e nel sonno
mi passi al vaglio per purificarmi
e di tutte le mie vie
ti prendi cura con amore.

Ciò che sale dal cuore
ancora non è sulla mia lingua,
ed ecco, tu, Misericordioso, già conosci ogni cosa,
passata e futura ;
da ogni parte mi avvolgi di amore
e posi su di me la tua carezza.

Meraviglia sovrannaturale è la tua conoscenza,
inaccessibile per me,
non posso comprenderla !

Dove andare lungi dal tuo spirito,
e dal tuo volto, dove fuggire ?
Se i cieli ascendo, là tu sei !
Se dell’Ade faccio il mio giaciglio, eccoti !

Se prendo le ali dell’aurora,
per abitare all’estremità del mare,
anche là la tua mano soavemente mi conduce
e mi attira la tua destra ;
e se penso: « Certo, calando, la tenebra mi nasconderà »,
allora la notte è luce attorno a me !
Perché le tenebre stesse non possono celare da te,
e la notte fa luce come il giorno :
la tenebra è come la luce.

Perché sei tu che hai creato e possiedi
l’intimo del mio spirito :
nel grembo di mia madre mi hai coperto con la tua ombra.

Io ti ringrazio
perché stupendamente mi formasti,
miracolosamente:
sono meravigliose le tue opere,
e molto bene lo sa l’anima mia !

Il mio essere non ti era celato
mentre venivo formato nel segreto,
ricamato nelle profondità della terra.
I tuoi occhi mirarono il mio embrione,
e sul tuo libro
tutti erano scritti i giorni :
furono plasmati
quando ancora nessuno era in essi.

Quanto inestimabili per me
i pensieri di cui ti diletti, o Dio !
Quanto incalcolabile il loro numero !
Li conto, e sono più della sabbia ;
dal sonno della morte
mi sono risvegliato,
e con te sono ancora.

(traduzione dall'ebraico di Teresa Piacentini)